Multimedia Milano

Wildlife Photographer of The Year: la mostra alla Fondazione Matalon di Milano

Ruffs on display - Wildlife Photographer of the Year 2015, Categoria 11-14 anni, Vincitore assoluto © Ondřej Pelánek (Repubblica, Ceca)
Foto 1 di 5
Martedi 27 settembre 2016 ore 17:47

Dal 1°ottobre al 4 dicembre 2016 la Fondazione Luciana Matalon (Foro Buonaparte 67) ospita la mostra Wildlife Photographer of the Year, che ogni anno porta a Milano le immagini premiate al prestigioso concorso di fotografia naturalistica, nato nel 1965 e indetto dal Natural History Museum di Londra.

L’esposizione regala un viaggio per immagini, le più straordinarie e uniche nell’immortalare il pianeta in tutte le sue forme in costante evoluzione; dai paesaggi incontaminati, al mondo animale, al regno botanico, le meraviglie della natura si presentano agli spettatori con scorci mai visti e punti di vista emozionanti, ma altresì con uno sguardo consapevole che diventa testimonianza visiva di un ambiente da salvaguardare e da preservare nella sua ricchezza e nella sua straordinaria diversità.

La mostra presenta le immagini premiate nelle 20 categorie in gara, a partire dal massimo riconoscimento, il Wildlife Photographer of the Year, assegnato a A tale of two foxes di Don Gutoski (Canada) nella categoria Mammiferi. Uno scatto che ritrae una volpe rossa mentre trascina la carcassa di una volpe artica, nel Wapusk National Park in Canada.
La foto Ruffs on display di Ondřej Pelánek (Repubblica Ceca, sezione junior 11-14 anni) che mostra la lotta fra due uccelli maschi per l’accoppiamento e in difesa del territorio, è invece vincitrice assoluta del Young Wildlife Photographer of the Year.

Non mancano i talenti italiani in concorso e tra questi spicca Ugo Mellone, vincitore nella categoria Invertebrati con la foto Butterfly in Crystal, mentre un altro suo scatto, The Tunnel of Spring, è stato selezionato come finalista nella categoria Terra. Sono inoltre risultati finalisti Vincenzo Mazza con la foto Battling the Storm (categoria Uccelli) e Hugo Wassermann con lo scatto Ice Design (categoria Impressioni).
Il percorso espositivo illustra tutte le immagini vincitrici e finaliste nelle categorie Mammiferi, Uccelli, Anfibi e Rettili, Invertebrati, Piante, Sott’acqua, Terra, Dal cielo, Città, Dettagli, Impressioni, Bianco e Nero, Premi Fotogiornalista di natura – singola foto e reportage, Premio Portfolio talento emergente (età 18-25 anni), Premio Portfolio (oltre i 26 anni), Premio TimeLapse (filmati, con riproduzione accelerata dei fotogrammi, che rivelano all’occhio umano processi di trasformazione altrimenti non percepibili), oltre alle sempre sorprendenti categorie dedicate ai giovani fotografi fino a 10 anni, da 11 a 14 anni e da 15 a 17 anni.

L’associazione culturale Radicediunopercento propone anche serate di approfondimento e presentazione di libri con rinomati fotografi di natura in programma di sabato alla Casa della Cultura (ore 21): l'8 ottobre incontro con Ugo Mellone; il 15 ottobre con Marco Urso; il 19 novembre con Federico Veronesi; il 26 novembre con Marco Colombo.

Già vincitore del Wildlife Photographer of the Year nel 2011, Colombo è inoltre a disposizione per visite guidate alla mostra presso la Fondazione Matalon, a partire da giovedì 6 ottobre e poi ogni venerdì, con eccezione di giovedì 3 novembre, dalle 19.30.

Orari: 10.00-19.00 (giovedì e venerdì apertura fino alle 22.00), lunedì chiuso
Biglietti: intero 9 euro, ridotto 7 euro, gratis bambini 0-5 anni

Per info e prenotazione visite guidate: 331 9496021.