Cortile68, tre giovani maker nella Milano creativa

Cortile 68: Giulia, Lorenzo e Marta

Cortile 68: Giulia, Lorenzo e Marta © Samantha Lamonaca

Il progetto di coworking artigianale di Giulia, Lorenzo e Marta. Tra gioielli, lana merinos e borse in ecopelle. Il laboratorio in via Zanella

 /  / 

Milano - Martedi 28 febbraio 2017

Giulia, Lorenzo e Marta sono tre giovani maker che, armati di spirito di iniziativa e voglia di crescere, dal laboratorio self made di casa propria sono approdati in un laboratorio vero e proprio in via Zanella 68, a Milano.

Dal numero civico è nato il nome del progetto di coworking artigianale, Cortile 68, che oggi organizza eventi e aiuta altri giovani creativi a farsi conoscere. «Un modo per collaborare e confrontarsi anche con altri», spiega Giulia, 26 anni, che realizza gioielli artigianali con metalli preziosi e non, in stile minimal per la sua linea Karibu Bijoux.
Con lei, Lorenzo, 31 anni, e i suoi prodotti in lana merinos per Woollo, e Marta, con le borse e gli accessori in ecopelle e sughero per la linea A mala de Cartao.

A unirli, oltre all’interesse per l’handmade, la voglia di stare insieme e di unire le proprie forze in un ambito dove, già concedersi un laboratorio vero e proprio a Milano, può rappresentare un lusso. Per ora, spiega Giulia, «non ci sentiamo arrivati né tantomeno privilegiati. Vorremmo che come noi tanti altri creativi potessero godere di spazi ma purtoppo a Milano gli affitti e le condizioni economiche sono spesso proibitive per chi ha delle piccole attività artigianali».

Lucia Navone

© Copyright mentelocale.it
vietata la riproduzione

Società & Tendenze Tendenze