Associazione Mozart Italia: il programma dei concerti 2016/2017

Tre serate di musica per mettere a confronto il genio di Salisburgo e Beethoven. Tra i protagonisti Milan Rericha e Paul Badura‑Skoda. Alla Chiesa di San Marco, dal 26 ottobre al 22 marzo

 /  / 

Milano - Lunedi 10 ottobre 2016

Nuova stagione di concerti per l'Associazione Mozart Italia-Milano, filiazione milanese della
Fondazione Mozarteum di Salisburgo. Il calendario 2016/2017 prosegue il suo percorso attraverso il confronto evolutivo con Ludwig van Beethoven accostato ai principali capolavori dell’espressione pre-romantica del genio di Salisburgo.

Ad inaugurare la stagione, mercoledì 26 ottobre 2016 alle ore 21.00, è uno dei clarinettisti più noti in campo internazionale, Milan Rericha, che interpreta il rinomato Concerto per Clarinetto e Orchestra KV 622 di Mozart preceduto dalla tragicità dell'Overture Egmont di Beethoven. Nella seconda parte del concerto viene eseguita la preziosa e sofferta Sinfonia giovanile KV 183, anche detta piccola sol minore, programmata ponendola a confronto con la funesta e celeberrima Sinfonia n 40, anch’essa in sol minore (che per Mozart rappresenta il colore degli affetti) già eseguita due stagioni or sono.

Nel secondo concerto, mercoledì 30 novembre 2016 alle ore 21.00, alla Quarta Sinfonia di Beethoven viene accostato l'ultimo Concerto per Pianoforte e Orchestra di Mozart, KV 595, interpretato dal pianista viennese Paul Badura-Skoda, classe 1927. Notato già nel 1949 da Furtwängler e Herbert von Karajan, che lo invitarono ad interpretare con le loro orchestre pagine indimenticabili decretando l'inizio di una lunga carriera. Bradura-Skoda ha inciso più di 200 dischi, inclusi cicli completi delle sonate di Mozart, Beethoven e Schubert. Oltre ai classici viennesi, ha suonato a lungo Bach, senza dimenticare autori contemporanei. Egli fu tra i
primi sostenitori dell'uso distrumenti originali.

Infine, mercoledì 22 marzo 2017 alle ore 21.00 vengono poste a confronto la preziosa Sinfonia KV 319 di Mozart con la genialità contemporaneamente classica e protoromantica della Seconda Sinfonia di Beethoven in cui il genio di Bonn utilizza per la prima volta un tono eroico che verrà maggiormente ripreso nelle sinfonie successive. La genesi della seconda (1802-1803) coincide proprio con gli anni della scoperta della malattia che lo porterà alla sordità; ecco quindi come i contrasti, sia ritmici che melodici, senza tralasciare quelli metrici, sono ora spia della drammatica sofferenza; dell'autore. In apertura la mozartiana Overture dalle Nozze di Figaro.

Tutti i concerti si svolgono come di tradizione nella storica Chiesa di San Marco a Milano, e sono diretti dal maestro Aldo Bernardi alla guida dell’Orchestra dell'Associazione Mozart
Italia di Milano.

Con la stagione 2016/2017, il Bernardi prosegue nell'impegno di diffondere attraverso il CEriMus - Comitato Nazionale per la Riproposizione dell’Educazione musicale di base nelle scuole di ogni ordine e grado®, dal lui ideato e presieduto - la battaglia per l'educazione musicale di base che vive come atto di fede e vede come espressione della capacità creativa, espressiva e relazionale di ciascun individuo. Nato due anni fa in seno all'Associazione Mozart Italia di Milano, il CEriMus ha come scopo precipuo quello di
promuovere una legge che introduca, al pari di tutta Europa, l’educazione musicale di base nelle scuole di ogni ordine e grado: partecipare ai concerti significa anche sostenere concretamente il CEriMus ed il suo ambizioso ma irrinunciabile scopo educativo per i futuri cittadini.

I biglietti per i concerti dell'Associazione Mozart costano 25 euro (ridotto 18 euro per under 25, over 65 e soci Ami, acquistabili solo nei punti vendita Vivaticket o la sera dell’evento; su richiesta convenzioni per gruppi a 15 euro). L'abbonamento a 3 concerti ha invece un costo di 55 euro (ridotto 45 euro per under 25, over 65 e soci Ami; su richiesta convenzioni per gruppi a 40 euro).

© Copyright mentelocale.it
vietata la riproduzione

Spettacoli Musica