Locali griffati a Milano, la moda è in tavola

Richmond Cafè

Richmond Cafè

Da Trussardi alla Scala al Bulgari, da Replay The Stage al Richmond Cafè. Nella capitale del fashion system anche i ristoranti sono firmati. Ecco qualche proposta

 /  / 

Milano - Giovedi 1 settembre 2016

Che Milano sia la capitale della moda è cosa risaputa. Nel capoluogo lombardo, le firme conquistano tutti e anche la cucina non poteva essere esimersi da questo contagio. Nonostante le esperienze ormai concluse del Gold di Dolce&Gabbana o del Cafè Marc Jacobs, sempre più imprenditori del fashion system investono nel food e mostrano ai milanesi il loro concetto di accoglienza.

Ci sono il Ceresio 7 del gruppo Dsquared2 e Mimmo Milano firmato Dondup, Prada e le tre sedi di Pasticceria Marchesi, fino ad arrivare allo svedese Bjork, di proprietà dell'ideatrice del brand Napapjiri Giuliana Rossett. Ma ce ne son alcuni che hanno fatto molto di più, dando al proprio locale lo stesso nome della griffe: da Byblos ad Armani, da Bulgari a Trussardi. Mentelocale.it vi accompagna in una vera esperienza modaiola.

Richmond Cafè

Il locale trendy si è da poco rinnovato e sdoppiato in due realtà esclusive: se da una parte continua con la programmazione del suo club in cui scatenarsi dall'aperitivo a tarda notte, dall'altra si può cenare presso l'uramakeria, in cui i gustosi rotolini giapponesi sono proposti in versione classica o in alcune varianti dai profumi di Sicilia.

Just Cavalli

Un locale dove, tra party esclusivi e serate danzanti, ci si diverte fino a tardi. C'è anche un ristorante di alto profilo: il menù è à la carte e viene realizzato dallo chef con ingredienti freschi e di stagione per esaltare i tipici sapori italiani con un tocco gourmet d'innovazione. Il tutto sotto l'attenta guida dello stilista Roberto.

Byblos

Un fashion club ideale per eventi mondani che ospita anche due bar e, al piano superiore, un ristorante très chic aperto dal giovedì al sabato con scelta à la carte e pregiati menù fissi durante serate speciali. Nella bella stagione si balla anche fuori, nei 500 mq di giardino.

Trussardi alla Scala

Dopo due grandi firme che ne hanno fatto la storia come Andrea Berton e Luigi Taglienti, questo ristorante ha perso nel 2016 la sua stella Michelin. Nonostante questo la location, accanto al teatro celebre nel mondo, rimane unica e vale la pena di un pranzo in piena atmosfera milanese.

Replay The Stage

Sembra di essere su uno yacht di lusso, cui si accede direttamente dall'ascensore esterno o dalla scala in acciaio all'interno del concept store di piazza Gae Aulenti. Nella grande sala o nei tavoli più ricercati viene servita la cucina raffinata e creativa dello giovane chef Angelo Mancuso. Chic il bar Octavius.

Armani Ristorante

All'interno dell'Armani Hotel di via Manzoni, un ristorante di pregio insignito per la prima volta nel 2016 della stella Michelin. La cucina si ispira alla ricca tradizione gastronomica italiana ed ospita un'enoteca con etichette esclusive. Di uguale charme, nello stesso stabile si trova il Bamboo bar.

Bulgari

Lo chef Roberto di Pinto reinterpreta la tradizione italiana nella cornice lussuosa del Bulgari Hotel Milano. Tra i liquori, alcune etichette da intenditori, per no parlare dei vini, in carta 500 case selezionate, oltre a una raffinata selezione di spumanti e champagne. È qui che si svolge annualmente Epicurea, il prestigioso evento gourmet.

Simone Zeni

© Copyright mentelocale.it
vietata la riproduzione

Bere & Mangiare Locali