Taglienti, Oldani e Morelli. Novità stellate a Milano

L'ex chef di Trussardi alla Scala e il suo nuovo spazio all'Ex Ginori. D'O cambia location e il patron di Pomiroeu inaugura la sua trattoria. Foodlover in fermento in città

 /  / 

Milano - Venerdi 23 settembre 2016

Con l'inizio dell'autunno, gli amanti della gastronomia firmata sono affamati (letteralmente) di novità. E Milano non può certo deluderli: numerose le nuove aperture che si stanno preparando per l'autunno. E anche gli stellati non sono da meno e già durante l'estate hanno iniziato a presentare i progetti per la nuova stagione.

Se Luigi Taglienti, chef di rango con alle spalle esperienze da Trussardi alla Scala e Palazzo Parigi, ha inaugurato il suo nuovo ristorante Lume, a Cornaredo Davide Oldani si è spostato (di poco, anzi pochissimo) dalla vecchia location del suo D'O. In ultimo Giancarlo Morelli: il patron del Pomiroeu di Seregno ha aperto Trattoria Trombetta, uno spazio informale che mantenga la sua impronta nel centro della metropoli.

Ecco cosa combinano gli chef stellati meneghini raccontati da mentelocale.it, con la consueta attenzione per i ristoranti e le novità food cittadine.

Lume by Luigi Taglienti

Lo chef che a Milano ha lavorato nelle più prestigiose cucine ha da poco aperto il suo ristorante presso lo stabile W37, in una porzione dell'Ex Richard Ginori. Il bianco e la luminosità degli ambienti (anche grazie alle ampie vetrate) caratterizzano l'ambiente, sia la sala da pranzo che l'area eventi. Qui Taglienti propone tre menù, uno alla carta, che varia stagionalmente, e due degustazione: uno classico di 7 portate (120 euro) e uno più sperimentale di 12 (150 euro).

D'O by Davide Oldani

Il celebre chef cambia location ma si sposta di poco. Sempre a Cornaredo, più precisamente San Pietro all'Olmo, ma nella caratteristica piazza, ha inaugurato un ristorante che conserva gli stessi coperti di prima (48 posti) ma che qui stanno più comodi. D'altronde il progetto è dell'archistar Pietro Lissoni. Qui Oldani propone la sua Cucina Pop e i piatti iconici che hanno reso il suo tocco riconoscibile oltre i confini nazionali. Dopo un po' di assestamento iniziale, lo staff saprà dare soddisfazioni con l'autunno. Due menù: uno da 40, l'altro da 75 euro.

Trattoria Trombetta by Giancarlo Morelli

Il patron dello charmant Pomiroeu, stellato di Seregno, apre in largo Bellintani, di fronte a San Carlo al Lazzaretto e poco distante da Porta Venezia, un luogo che vuole essere informale ma che rispecchi il suo estro ai fornelli. Dove un tempo c'era Indaco, locale cool della zona, ora c'è un ristorante che porta la parola trattoria nel nome ma non nei fatti. Certo, l'ambiente rumoroso è sinonimo di informalità, ma i prezzi (circa 15 euro a piatto, 10 per i dolci), seppur accessibili, e il servizio pretenzioso lo rendono meno accogliente di quanto vorrebbe. In rodaggio?

Simone Zeni

© Copyright mentelocale.it
vietata la riproduzione

Bere & Mangiare Ristoranti