Al Market Sound l'incanto psichedelico dei Tame Impala

Tame Impala in concerto a Milano

Tame Impala in concerto a Milano © Alessio Campo / mentelocale.it

Un'atmosfera unica al concerto milanese della band australiana. Tra chitarre distorte e visual. La fotogallery

 /  / 

Milano - Mercoledi 6 luglio 2016

È martedì 5 luglio, i Tame Impala stanno per salire sul gigantesco palco del Market Sound di Milano. La gente boccheggia seduta sull'erba sintetica del parterre, fuma, combatte il caldo a suon di birrette. Un ragazzo in prima fila racconta di aver sentito la band australiana qualche giorno prima al festival Les Eurockéennes di Belfort, «hanno spaccato» dice. E in effetti Kevin Parker & co hanno regalato un gran bel concerto.

Il loro impatto dal vivo è molto più forte rispetto a quello delle registrazioni in studio, come scontato: la chitarra distorta e amplificata dal perfetto sound system del Market stride su tastiere e synth. Pop e rock psichedelico si fondono, ma prevale l'ultimo. I Tame Impala rapiscono e affascinano, i cori e gli strumenti elettronici incantano il pubblico, creano un'atmosfera mistica e onirica. Complici le luci e i visual che scorrono sul gigantesco telone che si trova alle spalle dei musicisti. Proiezioni lisergiche, mescaliniche. Perfettamente in sintonia con la musica. Il concerto non sarebbe stato lo stesso senza i visual, strepitosi davvero.

I Tame Impala ci tengono ad appagare il senso della vista, basta sfogliare le meravigliose copertine che Leif Podhajsky ha realizzato per i loro album. O anche solo guardare i video di The Less I Know the Better e Feels Like We Only Go Backwards. Insomma tra luci, visual e un impianto di qualità il Market milanese ha offerto alla band australiana la cornice giusta per fare un live memorabile e i Tame Impala non hanno deluso. Aveva ragione il ragazzo in prima fila: hanno spaccato.

Alessio Campo

© Copyright mentelocale.it
vietata la riproduzione

Spettacoli Musica