Musubi, a Milano sushi e noodles sono take away

A pochi passi dal Duomo un nippo bar in cui si mangia in piedi o si porta via. Uramaki, ravioli, zuppe e onigiri. Quando la cucina giapponese diventa espressa

 /  / 

Milano - Lunedi 18 luglio 2016

Sembra paradossale, eppure quante volte, in pieno centro a Milano, quanto volte ci si è trovati in difficoltà davanti alla scelta di un posto in cui mangiare? Proprio accanto al Duomo, a pochi passi dal sempre affollato Luini, re dei panzerotti, si trova un locale tranquillo, un piccolo tempietto della cucina giapponese da portar via o da gustare in piedi.

È Musubi, take away restaurant in cui la tradizionale cucina giapponese viene proposta in una versione rapida e inconsueta grazie all'estro tutto italiano di Elis Marchetti.

Si entra da due porte scorrevoli e l'intenzione di volersi dedicare principalmente all'asporto appare subito evidente: qui non ci sono sedie. Eppure le pareti composte con liste di legno verticale, la cucina a vista, un menù ricco e semplice lo rendono un luogo accogliente in cui pranzare in piedi, al bancone. Un pasto breve che non rinuncia alla qualità.

A lato della cassa, dove si ordina in autonomia, una spazio in cui gli uramaki (Ebiten con tempura di gamberi; Norveglia con salmone crudo e cream cheese; Okinawa con salmone grigliato, maionese picconte, sesami e tobikko; tutti al costo di 5.50 euro), dopo essere preparati freschi per la giornata, vengono impilati nei loro contenitori in attesa di essere consumati. In questo pare quasi di essere in un fast food orientale e, viste le buone tempistiche con cui si preparano i piatti caldi, l'affermazione non risulta poi così azzardata.

Gli amanti di sushi possono poi sbizzarrirsi con gli onigiri, tipici panetti di riso ripieno resi noti dai manga (da quello con salsa rosa a quello con salsa tonnata, tutti a 3 euro), i temaki (dal Pak con gamberi e salsa piccante al Sampei con polipo, uova di pesce, cetriolo e shiso; proposti a 4 euro), i chirashi (c'è quello con tonno e porro, a 9.50 euro, e quello con l'anguilla, a 11 euro).

Gustosi i piatti caldi: gli udon Kake, più classici, a 7 euro, e quelli con tempura, a 9 euro; la zuppa di miso servita in una tazza simile a quella del caffè americano, a 2.50 euro; i ravioli alla soia (3.50 euro), cacio e pepe (4.50 euro), di gamberi (5 euro). Poi gli immancabili yakitori (4.50 euro), l'insalata (6 euro), il sashimi box (8 euro), come in un autentico sushi bar.

Inoltre Musubi raddoppia e apre proprio in questi giorni un secondo punto in città, in zona Gae Aulenti.

Simone Zeni

© Copyright mentelocale.it
vietata la riproduzione

Bere & Mangiare Ristoranti