Premi Ubu 2014, tutti i vincitori

Le Sorelle Macaluso di Emma Dante, vincitore del Premio Ubu 2014 come miglior spettacolo

Le Sorelle Macaluso di Emma Dante, vincitore del Premio Ubu 2014 come miglior spettacolo © Carmine Maringola

Vince Le sorelle Macaluso di Emma Dante. Migliori attori, Roberto Latini e Arianna Scommegna. Riconoscimento anche alla Compagnia Marionettistica Colla

 /  / 

Milano - Lunedi 15 dicembre 2014

Si è svolta oggi, lunedì 15 dicembre, al Piccolo Teatro Paolo Grassi di Milano la premiazione della 37ma edizione dei Premi Ubu, curata dall’Associazione Ubu per Franco Quadri.

Decisi da un gruppo di esperti e noti critici teatrali, i 13 riconoscimenti abbracciano tutti i ruoli del teatro, dalla regia agli attori, dalla scenografia alla drammaturgia per culminare con lo spettacolo dell’anno, senza dimenticare i “premi speciali”, destinati a segnalare realtà non contemplate dalle categorie canoniche.

A trionfare come Migliore spettacolo dell’anno, e come Miglior regia, è stato il lavoro corale Le sorelle Macaluso scritto e diretto da Emma Dante.

Tra le novità degli Ubu 2014, il premio al Miglior progetto artistico o organizzativo, vinto da e la volpe disse al corvo realizzato dal Comune di Bologna e Socìetas Raffaello Sanzio e curato da Piersandra Di Matteo. L’altra new entry è il Miglior progetto sonoro o musiche originali. Il riconoscimento è andato al G.u.p. Alcaro per i live electronics di Quartett, diretto da Valter Malosti.

Per il Miglior attore/attrice o performer trionfano rispettivamente Roberto Latini per Il servitore di due padroni, diretto da Antonio Latella e Arianna Scommegna per Il ritorno a casa, diretto da Peter Stein.

Alla pugliese Licia Lanera, fondatrice del gruppo Fibre Parallele e recentemente vista nella Celestina di Luca Ronconi, è andato il premio Miglior attrice under 35.

Lo svizzero Christoph Marthaler si aggiudica per la terza volta agli Ubu la categoria Miglior spettacolo straniero rappresentato in Italia per Glaube Liebe Hoffnung di Ödön von Horváth, mentre Daria De Florian e Antonio Tagliarini vincono la Migliore novità italiana o ricerca drammaturgica con il loro lavoro Ce ne andiamo per non darvi altre preoccupazioni.
Il Premio per il Miglior allestimento scenico è andato ad Alessandro Marzetti, Silvia Bertoni e Armando Punzo per Santo Genet Commediante e Martire della Compagnia della Fortezza.

Due i Premi Speciali: il primo è stato assegnato alla Compagnia Marionettistica Carlo Colla e Figli e a Michele Sambin e il Tam Teatromusica. Lo sguardo internazionale della Miglior novità straniera ha premiato quest’anno il britannico Peter Morgan per Frost/Nixon, visto all'Elfo Puccini.

La cerimonia ha anche ospitato la prima edizione del Premio Franco Quadri, destinato a un figura della creazione contemporanea, della critica e della produzione non solo teatrale. Il primo premio è andato a Frie Leysen, fondatrice e direttrice artistica di De Singel ad Anversa e poi del Kunstenfestivaldesarts di Bruxelles ritenuta dalla giuria «spericolata nel percorrere paesaggi inesplorati al di là delle barriere linguistiche o geopolitiche».

La serata ha ospitate la menzione del Premio Alinovi-Daolio, dedicato a un artista delle arti visive che si distingua per la commistione dei linguaggi e assegnato a Nanni Balestrini, e la consegna del Premio Rete Critica, riconoscimento teatrale assegnato dalle testate di critica online che ha proclamato vincitori CollettivO CineticO come migliore compagnia, Archivio Zeta per la migliore progettualità e Volterra Teatro per la migliore strategia di comunicazione virale.

Massimo Renna

© Copyright mentelocale.it
vietata la riproduzione

Spettacoli Teatro