Il Don Giovanni di Filippo Timi al Parenti. La recensione

Il Don Giovanni di Filippo Timi

Il Don Giovanni di Filippo Timi © Anthony Favazza

Il testo dell'attore-regista ispirato all'opera di Da Ponte-Mozart. Rilettura esagerata in chiave Pop, arricchita da una colonna sonora che mixa Queen e Pink Floyd

Milano / Spettacoli / Teatro

Approfondisci

IL DON GIOVANNI
Vivere è un abuso, mai un diritto

Dal 25 febbraio al 9 marzo
Orari: mar 20.45; mer 19.30; da giov a sab 20.45; dom 16.30

Di e con Filippo Timi
Regista assistente Fabio Cherstich
Luci Gigi Saccomandi
Costumi Fabio Zambernardi in collaborazione con Lawrence Steele
 Direttore dell’allestimento Emanuele Salamanca

con
Umberto Petranca; Alexandre Styker; Roberta Rovelli; Marina Rocco; Elena Lietti; Roberto Laureri; Matteo De Blasio; Fulvio Accogli

Milano - Mercoledi 6 marzo 2013

Quinte d’oro e plastica, pavimento luminoso, fondale con angeli michelangioleschi e un materasso a forma di crocifisso su cui giace un uomo che si sta iniettando una dose di eroina.
Si apre così l'attesa messa in scena del Don Giovanni di Filippo Timi, di cui l’attore perugino è autore e regista. Ed è subito chiaro che del libretto di Da Ponte-Mozart a cui l’opera si ispira c’è ben poco. O forse solo l’essenziale, scarnificato.

«Bisogna tradire un testo per renderlo vero», aveva affermato Timi in occasione del precedente lavoro, Amleto 2 - il popolo non ha il pane? Diamogli le brioches, e l’operazione si ripete anche in questa rilettura del mito barocco che trasforma il tombeur de femmes in Male Supremo.

Un concentrato di cinismo e brutalità che ha contagiato anche l’universo creaturale che lo circonda, come anticipato dal sottotitolo vivere è un abuso mai un diritto. È proprio questa la forza e l’originalità del lavoro di Timi, aldilà degli eccessi provocatori a cui negli anni ci ha abituato (e che ci aspettiamo): l’aver capovolto la centralità dell’impianto scenico-narrativo. Don Giovanni non è più il motore eliocentrico da cui dipendono tutti i guai, ma è un virus che ha contaminato il pianeta e di cui ogni personaggio porta il seme propulsivo.

Sono gli altri i veri protagonisti della pièce, a cui Timi regala ampio spazio (e che il cast, seppur giovanissimo, dimostra di saper gestire egregiamente) relegando al Don Giovanni un ruolo non proprio secondario ma certamente di collante, di deus ex machina che dall’alto un po’ manovra e po’ osserva questa umanità alla deriva.

Un’umanità fatta di figure nevrotiche e strabordanti come i vestiti che indossano - vere e proprie meraviglie kitsch realizzate dallo stilista di Prada Fabio Zambernandi - che si lasciano andare ad un linguaggio caricaturizzato ed esagerato, come quello rottermeiresco di Donna Anna, che da bambina indifesa si trasforma - letteralmente - in una macchina da guerra desiderosa di vendetta nei confronti di chi ha ucciso suo padre, perché ha tolto a lei la possibilità di farlo.

Il risultato fastoso del lavoro timiano è dettato dall'aver unito elementi che, apparentemente
insensati, contribuiscono alla costruzione di questa Babele impazzita. Proiezioni di video presi da You tube fanno da corollario ad una scenografia prorompente e ad una colonna sonora che spazia dai Pink Floyd ai Queen passando per le sigle dell’Uomo tigre e della Sirenetta.

Uno spettacolo in cui il Pop, frequenti le gag di matrice cabarettista, il coinvolgimento attivo del pubblico, le brevi coreografie, e le incursioni di una cultura Anni ’80, diversi gli espliciti richiami a Kubrick, la fanno da padroni. Il tutto farcito con una dose di lieve blasfemia: se doveste immaginare Lucifero in carne ed ossa, vi verrebbe in mente di fargli indossare un uniforme da Generale delle SS color rosa shocking?

Erika Seghetti

Filippo Timi in 'Don Giovanni' Anthony Favazza

© Copyright mentelocale.it
vietata la riproduzione

Google+